Foresta secca, foresta pluviale, il Madagascar e la sua diversità.

viaggio Madagascar

In qualità di isola-continente, il Madagascar è caratterizzato da rilievi e da climi molto variegati. Penepiani, altipiani, pianure e ripide montagne offrono dei paesaggi eccezionali ai visitatori.

Il parco di Andohahela e le sue peculiarità

Nella regione dell’Anosy, il Parco Nazionale di Andohahela si trova tra Amboary Sud e Fort-Dauphin. Per giungervi, il tragitto è alquanto arduo, ma il parco vale pienamente una visita: esso riveste un interesse del tutto particolare . Infatti, è costituito a est da una foresta pluviale, a ovest da uno spinoso bush e, nel mezzo, da una foresta di transizione. Questi tre ecosistemi molto diversi ospitano una vegetazione molto ricca e una fauna di grande diversità. Gli escursionisti improvvisati o esperti potranno fra l’altro approfittare delle magnifiche cascate per rinfrescarsi dopo una lunga camminata.

Ifaty e la sua foresta di conifere

Ad Andohahela come ad Ifaty, una parte della foresta è del genere delle conifere. Queste regioni hanno una pluviometria molto scarsa e un suolo poco fertile. Risultato, le piante che vi crescono sono adatte a questo tipo di clima. Fra le altre, le piante spinose della famiglia delle Didiereacee e delle Euforbiacee. Questi boschi cedui sono dominati dai maestosi baobab della famiglia degli Adansonia e degli Alluaudia. Per i naturalisti, questi siti rappresentano un vero paradiso.

La ricchezza della riserva di Maningoza

Nel nord-ovest, a Besalampy, la riserva speciale di Maningoza o di Mandilohalika è attraversata da corsi d’acqua dal flusso irregolare. Le specie di uccelli che vi vivono sono endemiche dell’ovest e la flora è anch’essa di una grande diversità. Da un lato, è caratteristica delle foreste secche, mentre dall’altro è specifica delle foreste fitte sub-umide. Oltre ai parchi nazionali e alle riserve, un viaggio in Madagascar vi porta in un mondo dove il calore dell’ospitalità è un vero e proprio balsamo per il cuore.